Volterragusto, boom di presenze e numeri da record nella prima edizione post COVID.

VOLTERRAGUSTO, BOOM DI PRESENZE E NUMERI DA RECORD NELLA PRIMA EDIZIONE POST COVID.

Stimati in oltre 30.000 i visitatori nei due fine settimana di Volterragusto:
appuntamenti e iniziative sold out, tutto esaurito nelle strutture ricettive e la grande soddisfazione degli espositori consolidano la rassegna fra i momenti clou dell’autunno toscano con benefici economici per l’intero comprensorio.
Nei cinque giorni dell’evento sono stati 8823 gli ingressi nelle strutture museali cittadine.

Archiviati i due fine settimana della rassegna è tempo di bilanci in “Casa Volterragusto”, manifestazione che il 22-23 ottobre e ancora dal 29 ottobre al 1 novembre ha celebrato il meglio della propria tradizione enogastronomica: l’evento, con la XXIV Mostra Mercato del Tartufo Bianco e dei Prodotti Tipici dell’Alta Valdicecina cuore pulsante di un calendario mai così ricco, ha festeggiato la prima edizione post Covid con numeri da record.

Gli espositori hanno accolto in alcuni dei luoghi simbolo di Volterra – Piazza dei Priori e le Logge di Palazzo Pretorio, la Saletta di Via Turazza, le Cantine di Palazzo Viti e il Chiostro della Pinacoteca – oltre 30.000 visitatori che hanno deciso di trascorrere un fine settimana a Volterra, coniugando i sapori più autentici del territorio alle bellezze architettoniche di un luogo unico e ricco di fascino.

Un connubio quanto mai gradito, come testimonia il significativo incremento delle vendite rispetto alla passata edizione e il tutto esaurito registrato durante i giorni dell’evento nelle strutture ricettive e nei ristoranti del territorio.

Un boom di presenze che ha anche interessato tutte le iniziative organizzate dentro e fuori città come le visite guidate alla SALINA LOCATELLI DI VOLTERRA, l’appuntamento con “BACCHE, SPIRITI E GIN” nel Bosco del Berignone, “LE SFOGLIE DEI RECORD” con la storica “sfoglina” Rina Poletti, i LABORATORI GASTRONOMICI, le DEGUSTAZIONI, la CACCIA AL TARTUFO in compagnia dei tartufai locali e ancora le VISITE ALLA TORRE DEL MASCHIO della splendida Fortezza Medicea e l’iniziativa “SULLE TRACCE DI NOF4” nelle aree dell’Ex Ospedale Psichiatrico di Volterra.

Senza dimenticare il numero di ingressi alle strutture museali cittadine, ben 8823 nei cinque giorni della manifestazione.

Un vetrina che ha visto premiata ancora una volta la capacità di fare sistema attraverso una proposta che è riuscita anno dopo anno a crescere e rinnovarsi fino a diventare un punto fisso nell’autunno di famiglie e appassionati del buon cibo, generando un indotto economico di cui beneficiano tutte le attività commerciali del territorio in un periodo dell’anno decisamente meno battuto a livello di presenze turistiche.

Gli organizzatori di VOLTERRAGUSTO (dall’Associazione Tartufai dell’Alta Vali Cecina al Comune di Volterra) ringraziano per la collaborazione tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dell’evento: la Regione Toscana, la Camera di Commercio della Toscana Nord- Ovest, La Fisar – Delegazone storica di Volterra, il Club Unesco Volterra, CNA, l’Ufficio Turistico Comunale, la Pro-Volterra, Slow Food, il Comitato delle Contrade città di Volterra, l’Associazione Vignaioli Volterra, GF GIAN, il Centro Commerciale Naturale, Confcommercio e Confesercenti e altre associazioni cittadine, il giornalista Carlo Zucchetti ed il Comune di Tarquinia.

VOLTERRAGUSTO è possibile grazie al contributo indispensabile della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra.

Con un arrivederci fin da ora all’edizione 2023!

Volterragusto: “Il cibo è Cultura” XXIV Edizione

VOLTERRAGUSTO: 
“IL CIBO E’ CULTURA”

XXIV EDIZIONE MOSTRA MERCATO DEL
TARTUFO BIANCO E DEI PRODOTTI TIPICI
DELL’ALTA VAL DI CECINA

Appuntamento a Volterra con l’evento gastronomico più atteso
dell’autunno toscano tra eccellenze locali, cultura e divertimento

www.volterragusto.com

Sabato 22 e domenica 23 ottobre, e ancora da sabato 29 ottobre a martedì 1 novembre, si rinnova l’appuntamento con VOLTERRAGUSTO, manifestazione storica del panorama regionale che da sempre ha saputo crescere e rinnovarsi diventando un imperdibile punto di ritrovo per famiglie e appassionati del buon cibo.

Indiscutibile protagonista dell’evento Sua Maestà il tartufo, prodotto simbolo di questo territorio celebrato nella XXIV MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO E DEI PRODOTTI TIPICI DELL’ALTA VALDICECINA, che verrà come sempre affiancato da tanti piccoli artigiani del gusto – dai formaggi ai salumi passando per dolci, cioccolato, degustazioni di vini e tanto altro ancora – per un goloso viaggio alla scoperta dei sapori del territorio e non solo. Gli spazi espositivi e di assaggio abbracceranno alcuni dei luoghi simbolo di Volterra: Piazza dei Priori e le Logge di Palazzo Pretorio, la Saletta di Via Turazza, le Cantine di Palazzo Viti e il Chiostro della Pinacoteca.

Come sempre ricco di spunti il calendario, con appuntamenti divenuti autentici must quali l’esibizione del GRUPPO STORICO, SBANDIERATORI E MUSICI CITTÀ DI VOLTERRA che sabato 22 ottobre inaugurerà la manifestazione (alle ore 15.30 partenza da Piazza XX settembre del corteo che attraverserà il centro storico, con spettacolo finale alle ore 16 in Piazza dei Priori: programma che verrà replicato anche martedì 1 novembre a chiusura evento) e il PALIO DEI CACI VOLTERRANI lungo Via Franceschini , sfida inserita nell’albo regionale delle “rievocazioni storiche” in collaborazione con il Comitato delle Contrade Città di Volterra (domenica 30 ottobre, ore 15.30).

Lunedì 31 ottobre sarà invece la volta di LE SFOGLIE DEI RECORD con Rina Poletti, storica “sfoglina” emiliana e direttrice dell’Accademia della Sfoglia impegnata nella realizzazione in Piazza dei Priori di una sfoglia da Guinness.

E ancora LABORATORI SU CIOCCOLATO E PANIFICAZIONE, SHOW COOKING sul riuso creativo ed anti spreco degli alimenti, DEGUSTAZIONE DI SIGARI TOSCANI E VINI PASSITI, VISITE e TREKKING URBANI alla scoperta di una Volterra quanto mai misteriosa ed inedita.

Sempre a proposito di assaggi da non perdere la tappa volterrana di DiVino Etrusco (in programma nel Chiostro della Pinacoteca nelle giornate del 29, 30 e 31 ottobre e 1 novembre), rassegna enoica nata dall’idea di ricostituire tramite il vino il legame tra le dodici città Etrusche anticamente confederate nella Dodecapoli. Le etichette di una selezione di cantine di Volterra, Arezzo, Bolsena, Cerveteri, Chiusi, Cortona, Orvieto, Perugia, Piombino, Tarquinia, Veio e Vulci si riuniranno in un banco d’assaggio e in degustazioni guidate dall’enogastronomo Carlo Zucchetti.

Senza poi dimenticare le tante proposte “fuori porta”, che permetteranno di immergersi in uno dei territori più affascinanti di Toscana: le visita guidate alla SALINA LOCATELLI DI VOLTERRA, con sguardo alla “cascata di sale” nell’imponente Padiglione Nervi e ingressi al Museo del Sale e all’Emporio del Sale (tutti i giorni dell’evento, prenotazione obbligatoria); l’ormai tradizionale PASSEGGIATA “DI VIGNA IN VIGNA” tra vigneti e vini locali (domenica 23 ottobre, ore 9.30);  l’appuntamento con BACCHE, SPIRITI E GIN, escursione nel Bosco del Berignone alla scoperta delle bacche e della distilleria perduta con degustazione finale (domenica 30 ottobre, ore 9.30); la CACCIA AL TARTUFO in compagnia dei tartufai e dei loro inseparabili segugi (martedì 1 novembre alle ore 9, gratuito con prenotazione consigliata).

Fra i momenti più attesi della rassegna la consegna del PREMIO JARRO, destinato ogni anno a chi in ambito professionale si sia distinto nell’opera di divulgazione della cultura della buona tavola: a ricevere il riconoscimento sarà FABIO CORDELLA, produttore vinicolo e imprenditore da sempre legato al mondo dello sport, inventore del marchio “Wine of Champions”. La cerimonia di premiazione (domenica 23 ottobre, ore 17.30), aperta al pubblico e con presenza del Sindaco di Volterra e di tutti gli organizzatori, avrà come splendida cornice la Sala del Maggior Consilio di Palazzo de’ Priori e due ospiti d’eccezione: Luigi Terzago, Presidente Nazionale della FISAR, e Vincenzo Iaquinta, ex calciatore Campione del mondo 2006. A seguire degustazione di alcune delle etichette della linea “Wine of Champions” in collaborazione con la FISAR Delegazione Storica di Volterra.

Per l’intera durata dell’evento si segnalano inoltre le VISITE ALLA TORRE DEL MASCHIO della splendida Fortezza Medicea oggi adibita a penitenziario, inclusiva anche degli Orti del Carcere, e l’iniziativa “SULLE TRACCE DI NOF4” (pseudonimo di Fernando Nannetti, incisore italiano che durante la reclusione presso l’ospedale psichiatrico di Volterra fu autore di un ciclo di graffiti considerato un capolavoro dell’Art Brut), percorsi esperienziali nelle aree dell’Ex Ospedale Psichiatrico e Museo Archivio Lombroso di Volterra.

Senza dimenticare le tante MOSTRE allestite in giro per la città, fra cui: “La scala del terzo paradiso” di Michelangelo Pistoletto e l’esposizione collettiva  “Lavorarecamminare” a cura di Ilario Luperini presso la Pinacoteca Civica; “Mino Trafeli: la Scultura Impossibile 2018 – 1980” nel Salone Superiore del Palazzo dei Priori; “Oltre il visibile”, con opere realizzate dai malati dell’ex ospedale psichiatrico di San Salvi esposte nella Sala Giudice Conciliatore Palazzo dei Priori; “I tesori dell’alabastro” di Nico Lopez Bruchi nel Centro Espositivo Santa Maria Maddalena; “Città e frontiere” di Mark Brasington nel Sottotetto di Palazzo dei Priori.

Questo e molto altro ancora da vivere nei due fine settimana di VOLTERRAGUSTO: un programma da scoprire sul sito della manifestazione che, come da tradizione, offrirà tanti motivi per trascorrere giornate di gusto e relax in uno degli angoli più suggestivi della regione.

Per info e aggiornamenti: www.volterragusto.com |  e-mail: infovolterragusto@gmail.com
Ufficio Turistico “Volterra, Valdicecina”:  Tel. 0588-86099 | e-mail: info@volterratur.it

ORARI:

SABATO dalle 15 alle 20
TUTTI GLI ALTRI GIORNI dalle 10 alle 20

VOLTERRAGUSTO è un evento organizzato da Associazione Tartufai dell’Alta Vali Cecina, dal Comune di Volterra, Regione Toscana (contributo della LR 50/95) e la Camera di Commercio della Toscana Nord- Ovest.

Con la collaborazione de la Fisar – Delegazione storica di Volterra, il Club Unesco Volterra, CNA, l’Ufficio Turistico Comunale, la Pro-Volterra, Slow Food, il Comitato delle Contrade città di Volterra, l’Associazione Vignaioli Volterra, GF GIAN, il Centro Commerciale Naturale, Confcommercio e Confesercenti, altre associazioni cittadine.

Grazie al contributo indispensabile della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra.

Search

+